Chi mi conosce, sa che faccio l’avvocato. Mi occupo di diritto amministrativo, cosa che mi porta a frequentare, oltre al TAR anche i giudici civili e penali. Per gli operatori del settore è evidente il collasso del sistema giudiziario. Per fortuna non tutti i cittadini ne hanno contezza. Ma lo scontro con la realtà è duro, quando non si può far a meno di rivolgersi a un giudice. Un esempio per tutti. Tribunale di Siena, causa avviata nel 2012, in cui io assisto alcuni dei chiamati in causa. Nella causa ritengo che i mei clienti abbiano ragione. Ma prescindiamone un secondo. Dopo vari rinvii per chiamate in causa e tentativi di accordo, disposte le prove, l’attore tenta di opporsi alle testimonianze e chiede una revisione dell’ordinanza che l’aveva disposta. Il Giudice chiude l’udienza riservandosi di decidere in merito per il proseguo del giudizio. Siamo al 19 giugno 2017 Dopodiché il…

Leggi tutto

Dal momento che Draghi sta dando l’illusione di poter riformare qualcosa in Italia, vi prego, mettiamo mani anche alla giustizia civile. Ho appena ricevuto una notifica dalla Corte d’Appello di Firenze per l’ennesimo spostamento della prima udienza di un appello depositato a gennaio del 2018. Il rinvio è per ottobre 2021. Segnalo, per non gli addetti al mestiere, che in Italia, su pressioni della UE (allora CEE) abbiamo dovuto approvare una legge che disponesse il risarcimento per l’eccessiva durata dei processi. La c.d. Legge Pinto, fissa in 3 anni la durata massima del primo grado e in 2 anni l’appello. Nel mio caso, il primo grado, a Siena, è durato 4 anni e nell’appello, forse, riuscirò a incontrare i Giudici per la prima volta dopo 3 anni e mezzo. Con buona probabilità la sentenza l’avrò nel 2023, dopo 5 anni dall’appello e 10 anni dall’inizio della causa in Tribunale Siamo…

Leggi tutto

In questi giorni David Allegranti, che normalmente si è occupa egregiamente di cronaca politica, sta portando avanti sulla sua newsletter Il Machiavello (abbonatevi! Bastano 34€ l’anno) una campagna per tenere alta l’attenzione sull’atroce morte di Samuel Paty, professore di liceo sgozzato per mano di folle islamista Ceceno, solo per aver mostrato in classe le vignette su Maometto. Non si tratta, infatti, di limitarsi a condannare l’atroce delitto. Qui è in gioco la libertà di espressione e, soprattutto, il principio della laicità dello Stato. La Francia ha affrontato la sfida di petto, con il Presidente Macron che ha organizzato una toccante cerimonia alla Sorbonne sulle note di “One” degli U2, volute dalla famiglia, e ha pronunciato inequivocabili parole di contrasto al fondamentalismo islamico, in favore dello Stato laico e della libertà di insegnamento, parce qu’en France, les Lumières ne s’éteignent jamais Emmanuel Macron In Italia se ne è parlato pochissimo. I nostri…

Leggi tutto

A noi operatori del diritto è chiaro da tempo che, se vogliamo parlare di “casta” – termine odioso, per il suo richiamo ai proclami populisti – l’unica vera attualmente esistente in italia è quella della Magistratura. Si badi bene, “Magistratura” intesa come corpo, non magistrati intesi come persone, perché, fortunatamente, esistono validissimi e coscienziosi magistrati che svolgono il loro compito con serietà e dedizione. Il potere della Magistratura è oramai fuori controllo per tutta una serie di ragioni che prendono le mosse da mani pulite e dalla scelta di certa politica di risolvere conflitti politici attraverso la magistratura. Qui, trovate uno dei tanti esempi. Se avete voglia di approfondire, seguite “Il Riformista”, dove il buon Sansonetti non smette mai di battersi, evidenziando le storture del sistema giustizia. In ogni caso io vi segnalerò, cammin facendo, le migliori “perle”.

4/4