Partecipazione

Blog di Antonio Stancanelli

28 marzo
Commenti disabilitati

Foto del giorno (su La Stampa)

image

15 dicembre
0Comments

The 45 most powerful images of 2011: Bin Laden

Non poteva mancare nella galleria della 45 foto più “potenti” del 2011, una su Bin Laden e le torri gemelle.

Questa rappresenta una bella sintesi: i vigili del fuoco di NY, che tante persone hanno perso nell’attacco alle torri, esultano in Times Square, sulla scala, leggendo la notizia della morte di Bin Laden.

Perché certi errori non si ripetano, vorrei ricordare come Bin Laden fosse il tipico prodotto di una certa politica estera americana – spero abbandonata per sempre – che mirava ad addestrare e armare i vicini nemici per combattere regimi ostili: Bin Laden era, nelle intenzioni degli USA, una delle soluzioni per risolvere il problema Afghanistan.

11 dicembre
0Comments

The 45 most powerful images of 2011: tsunami

E questo ve lo ricordavate?

Tenetelo presente ogni volta che vi viene da usare espressioni tipo “tragedia”, “sciagura” in relazione a piccoli contrattempi quotidiani ;-)


09 dicembre
0Comments

The 45 most powerful images of 2011

Ho trovato in rete una raccolta così intitolata, che raccoglie, appunto, alcune foto dei momenti più significativi di quest’anno che sta finendo.

Ho deciso di pubblicare, da qui a natale, quelle che mi sono sembrate più incredibili.

Molte, ovviamente, raccontano tragedie.

Alcune di queste causate da eventi naturali, in cui l’uomo (forse) non ha responsabilità.

Altre, sono da ascrivere alla follia dell’umanità.

Questa che vi propongo oggi attiene a quest’ultima categoria, e sto perdendo tempo, perché è veramente agghiacciante.

Non la pubblico per scaricarmi ipocritamente la coscienza prima dell’orgia natalizia.

La pubblico perché quando l’ho vista ho pensato che tutti i miei amici, specie quelli con bambini, avrebbero dovuto vederla.

Non so cosa si può fare per loro, né, soprattutto, cosa IO avrò voglia/tempo/energia di fare.

Già prima di averla vista avevo deciso. però, di convertire alcuni piccoli regali in aiuti per l’Africa.

Per paura che il mio piccolo contributo andasse perduto nei rigagnoli delle organizzazioni, ho scelto di passare attraverso chi conosco. Alcuni regali saranno, così, sotto forma di Busajo Gift Card, Giunti al punto.

Voi scegliete la strada che preferite.

Guardate qua