Partecipazione

Blog di Antonio Stancanelli

Archive for the 'pensieri' Category

11 settembre
1Comment

“Butta la palla di là e corri!”

Roberta Vinci, dopo aver dato una bellissima lezione a Serena Williams, dà a tutti noi una lezione di semplicità e determinazione in questa bellissima intervista.

 

10 settembre
0Comments

Urgente/Importante

Una buona organizzazione del lavoro, specie se autonomo, dipende dalla capacità di collocare correttamente gli impegni all’interno della griglia ordinata sui due assi “Urgente” e “Importante”.

Questa versione per “creativi” pescata su FB (condivisa dal mitico Zanolli) è carina perché è focalizzata sull’aspetto economico, particolarmente “importante” (appunto) in un’epoca di richiesta di “nozze con i fichi secchi”, e contiene anche la risposta pronta per il cliente.

image

 

01 settembre
0Comments
13 agosto
0Comments

Overshot day: così non si può andare avanti!

Oggi è “overshot day”: anche quest’anno siamo arrivati “corti” nello sfruttamento delle risorse del pianeta. Tre giorni prima dell’anno scorso.

In Italia, a questo limiti ci siamo già arrivati il 6 aprile.

È chiaro che così non si può andare avanti. La domanda è: come si inverte la rotta senza impoverire il mondo o diventare tutti Amish?

image

image

29 giugno
0Comments
17 giugno
0Comments

Intanto in Inghilterra…

image

15 giugno
0Comments

Magna carta.

after-restoration-l800 anni oggi dalla firma della “Magna Carta (Libertatum)“.

Ne è passato del tempo ma, fatte le dovute proporzioni, i princìpi in essa contenuti son tutt’altro che acquisiti.

Penso in particolare al “writ di Habeas Corpus”, visto l’abuso della carcerazione preventiva (a novembre 2013 il 20% dei detenuti in Italia era ancora in attesa di giudizio) e tenuto con di quanto ci ha raccontato Piero Tony, ricevendo in cambio accuse di denigrazione della categoria da parte degli stessi suoi ex colleghi ;-)

05 giugno
0Comments

Gay in office

 

Forse l’ironia è il modo migliore per combattere le discriminazioni di ogni genere.

Se così è, mi pare che The Jackal abbiano fatto un ottimo lavoro.

05 giugno
0Comments

memory, like liberty, is a fragile thing

Un altro interessante Ted talks per riflettere sulla supposta verità, in tutte le sue forme.

 

05 giugno
0Comments
03 giugno
0Comments

Dedicato a tutti i genitori

Se avete un figlio, trovatevi 20 minuti di tempo (19 e 25, per la precisone) e ascoltate quest’uomo.

Credetemi: ne vale la pena!

 

02 giugno
0Comments

Appunto!

image

27 maggio
0Comments

Nozze gay

Uno dei migliori “buongiorno” di Gramellini oggi su La Stampa.

image

26 maggio
0Comments

nuovo “Diritto, o rovescio?” ancora in tema di sistema giudiziario

Nuovo post sulla rubrica “Diritto, o rovescio?” di Nove a proposito del libro di Tony.

24 maggio
0Comments
13 maggio
0Comments

Invalsi (II)

image

image

13 maggio
0Comments
22 aprile
0Comments

11 aprile
0Comments

36 anni passati inutilmente

Subenetton-campagna-unhate-shock-bacio-gay-papa-imam La Stampa di oggi è pubblicata questa struggente lettera che lo stesso giornale pubblicò nel 1979.

Mi rattrista pensare che, a distanza di 36 anni, siamo sempre nella stessa triste condizione.

Il mio giudizio rimane lo stesso: “non ho niente contro Dio. È il suo fan club che mi spaventa” (Woody Allen)

Screenshot_2015-04-11-07-07-24

04 aprile
0Comments

La prova del potere e il pericolo della bufala

imageHo quasi terminato la lettura dell’interessante e ben scritto “La prova del potere”, di Giuliano Da Empoli. Una bel quadro dei nostri tempi, che dà nuove speranze e un percorso da seguire per la rinascita di questo paese, con al centro il motore della cultura.

Una cultura, finalmente, non chiusa in se stessa, autoreferenziale e meramente conservativa, ma disposta alla contaminazione con i tempi moderni.

Per questo sono rimasto veramente dispiaciuto di trovare anche lui vittima delle “bufale” contrabbandate su internet:

L’Italia chè abolisce la storia dell’arte nei programmi scolastici: se provi a raccontarlo all’estero non ci crede nessuno. Eppure né Monti né Letta hanno trovato il tempo o la voglia di ribaltare la decisione del governo Berlusconi. Con il risultato che, a cinque anni di distanza, un’intera classe d’età di ragazzi italiani è uscita dalla scuola pubblica senza mai aver sentito parlare di arte.

Peccato: anche quelli de L’Espresso c’erano arrivati!