Partecipazione

Blog di Antonio Stancanelli

30 agosto
0Comments

Anno nuovo, vita nuova (puntata 2) – first: celebrate!

Prima di affrontare i propositi per il nuovo anno, fatemi spendere due parole sull’anno passato.

Per avere le energie psichiche per affrontare i nuovi propositi senza essere sopraffatti da una sensazione di inadeguatezza, occorre, infatti, “celebrarsi” – to celebrate è il termine americano, derivato dalla Pnl – riconoscendo i propri risultati positivi ottenuti l’anno precedente. Questo serve, non solo ad accrescere la propria autostima, ma a far realizzare al nostro inconscio che siamo in grado di fare qualcosa di buono e ottenere risultati positivi, e che quindi i buoni propositi non sono da archiviare fra i “sogni”, ma si riferiscono a obiettivi reali che, come tali, possono di essere realizzati attraverso comportamenti concreti.

Se guardo al mio anno “scolastico” passato, non posso nascondere che sia stato faticoso. In particolare, un evento terribile imprevisto ne ha segnato gran parte della durata.

Non voglio parlarne. Sicuramente però è uno di quegli eventi che io definisco “prima e dopo”, nel senso che hanno forza di caratterizzare la tua esistenza in termini di prima e dopo di esso.

Ma siccome stiamo parlando di risultati positivi, se penso all’evento che più ha segnato positivamente l’anno passato e che sia dipeso da un mio comportamento volontario e non da meri “accidenti”, sicuramente  è stata la scelta – anche in conseguenza di quell’evento – di iniziare un percorso di analisi. Grazie anche a chi mi stava attorno, ho avuto la forza di mettermi nelle mani di qualcuno, spendendo tempo e denaro per conoscermi meglio.

Ecco: questa è stata sicuramente la scelta migliore che ho fatto nell’anno passato e che mi sento di celebrare con voi, perché per me non è stata, né semplice, né scontata e oggi ne vado fiero.

Così: let’s celebrate! (volume a palla!!)

 

 

 
No comments

Place your comment

Please fill your data and comment below.
Name
Email
Website
Your comment